Riavvicinamento della vittima nel reato di atti persecutori

Nell’ambito della giurisprudenza di legittimità e di merito i momenti di avvicinamento o di riavvicinamento della vittima all’imputato, nel reato di atti persecutori ex art. 612 bis C.p. è ritenuto irrilevante al fine della sussistenza del reato contestato. Nelle più frequenti ipotesi che realizzano il reato di cui all’art. 612-bis… Read more