Creazione di Adamo. Affresco di Michelangelo Buonarroti

creazione di adamo chiaroscuro michelangeloLa “Creazione di Adamo” è un affresco ( cm 280×570) realizzato intorno al 1511 da colui che può essere definito il più grande artista del Rinascimento italiano, Michelangelo Buonarroti, e si trova sulla volta della Cappella Sistina, nei Musei Vaticani a Roma.

Capolavoro della storia dell’arte universale, l’affresco viene realizzato in un totale di sedici “giornate” per volere e commissione di Papa Giulio II.

Michelangelo rappresenta l’incontro tra Dio e Adamo: entrambi con le braccia tese vengono ritratti nell’attimo prima che avvenga il contatto tra le dita delle mani, richiamando simbolicamente l’atto creativo, dove la forza divina si intreccia con l’aspetto materiale dell’umanità.

Adamo adagiato su un terreno erboso, è raffigurato completamente nudo: le forme anatomiche e muscolari del suo corpo sono perfettamente delineate e ciò comporta che nell’affresco emergono appieno le più raffinate e magistrali doti scultoree di Michelangelo rispetto a quelle pittoriche.

Di fronte a lui viene raffigurato Dio che giunge in volo dal cielo, circondato da dodici corpi reali e non dai soliti cherubini ed angeli, all’interno di un nimbo angelico, che secondo alcuni recenti studi rimanda alla forma del cervello umano ( che simboleggerebbe la creazione attraverso l’intelletto e la ragione di una “idea” divina).

Nella “Creazione di Adamo” Michelangelo raffigura un Dio maturo, fermo e deciso con lunghi capelli e barba grigia, fluttuante nell’aria, che si contrappone ad un giovane e incerto Adamo. Ed è sempre Dio che va verso Adamo, che resta immobile, semistradiato e timoroso allunga la sua mano verso il Creatore.

Con l’indice dell’altra mano Dio tocca la gola di uno dei corpi reali, quasi a simboleggiare che la voce, la parola, unitamente all”intelletto e la ragione, rappresentano i modi attraverso i quali l’uomo si congiunge all’ambito divino e spirituale.

“Dio creò l’uomo a sua immagine; a immagine di Dio lo creò; maschio e femmina li creò.”

(Genesi 1, 27)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *