Pala Bentivoglio. Opera di Lorenzo Costa

Pala Bentivoglio Ginevra CantofoliLa “Pala Bentivoglio” (Madonna in trono con la famiglia di Giovanni II Bentivoglio) è un dipinto (olio su tavola) realizzato nel 1488 dal pittore ferrarese Lorenzo Costa, ed attualmente conservato nella Cappella Bentivoglio nella Chiesa di San Giacomo Maggiore a Bologna.

La Cappella Bentivoglio nella Chiesa di San Giacomo Maggiore a Bologna risale intorno al 1400, e viene considerato il simbolo architettura rinascimentale; la costruzione della cappella viene iniziata da Annibale Bentivoglio nel 1445 e terminata da Giovanni II Bentivoglio nel 1486.

La Cappella conserva al suo interno una serie di opere: sull’altare centrale si trova la pala del pittore bolognese Francesco Francia, “Madonna col Bambino e Santi“, mentre sulle pareti laterali sono collocate tre tele, di grandi dimensioni, attribuite al pittore ferrarese Lorenzo Costa: “Madonna in trono con la famiglia di Giovanni II Bentivoglio” o anche conosciuta come “Pala Bentivoglio“, “Il Trionfo della Fama” e “Il Trionfo della Morte“.

La “Pala Bentivoglio” (Madonna in trono con la famiglia di Giovanni II Bentivoglio) viene commissionata al pittore Lorenzo Costa da Giovanni II Bentivoglio in segno di gratitudine per essere sopravissuto insieme alla moglie e ai suoi fgli alla congiura della famiglia Malvezzi, loro acerrimi rivali, la quale il 27 novembre del 1488 organizza un assalto al palazzo di Giovanni II Bentivoglio con lo scopo di uccidere tutta la famiglia ed impossessarsi di Bologna.

La “Pala Bentivoglio” (Madonna in trono con la famiglia di Giovanni II Bentivoglio) raffiura al centro, nell’ambito di una struttura piramidale, la Madonna col Bambino seduta su un suntuoso trono e ai lati, inginocchiati sono raffigurati Giovanni II Bentivoglio e la moglie Ginevra Sforza, e infine i loro undici figli ( ovvero partendo dal lato sinistro del dipinto sono visibili Camilla, Bianca, Francesca, Violante, Laura, Isotta, Eleonora e poi Ermete, Alessandro, Anton Galeazzo e infine Annibale).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *