Fotografie atte a turbare il comune sentimento della morale

fotografieL’art. 528 del Codice Penale sanziona penalmente l’utilizzazione di fotografie o  “stampati i quali descrivano o illustrino, con particolari impressionanti o raccapriccianti, avvenimenti realmente verificatisi o anche soltanto immaginari, in modo da poter turbare il comune sentimento della morale …”.

In tal senso l’art. 15 della Legge 8 febbraio 1948, n. 47 (Disposizioni sulla stampa) dispone che si applichi l’art. 528 del Codice Penale ai fatti riguardanti gli “stampati i quali descrivano o illustrino, con particolari impressionanti o raccapriccianti, avvenimenti realmente verificatisi o anche soltanto immaginari”.

La previsione penale esige, come elemento della fattispecie legale, che tali stampati o fotografie siano formati in modo “da poter turbare il comune sentimento della morale o l’ordine familiare o da poter provocare il diffondersi di suicidi o delitti”.

La Corte Costituzionale esaminando la norma di cui sopra sotto il profilo dell’indeterminatezza, violazione del principio di uguaglianza e indebita limitazione della libertà di stampa, nella parte in cui dispone che fotografie o stampati siano idonei a “turbare il comune sentimento della morale” ha statuito quanto segue:

  •  l’art. 21, sesto comma, della Costituzione, nel vietare le pubblicazioni contrarie al buon costume, demanda alla legge la predisposizione di meccanismi e strumenti adeguati a prevenire e a reprimere le violazioni del precetto costituzionale.
  • L’art. 15 della Legge sulla Stampa del 1948, esteso anche al sistema radiotelevisivo pubblico e privato dall’art. 30, comma 2, della Legge 6 agosto 1990, n. 223, non intende andare al di là del tenore letterale della formula quando vieta gli stampati idonei a “turbare il comune sentimento della morale”.
  • Vale a dire, non soltanto ciò che è comune alle diverse morali del nostro tempo, ma anche alla pluralità delle concezioni etiche che convivono nella società contemporanea.
  • Tale contenuto minimo altro non è se non il rispetto della persona umana, valore che anima l’art. 2 della Costituzione, alla luce del quale va letta la previsione incriminatrice denunciata.

Solo quando la soglia dell’attenzione della comunità civile è colpita negativamente, e offesa, dalle pubblicazioni di scritti o immagini o fotografie con particolari impressionanti o raccapriccianti, lesivi della dignità di ogni essere umano, e perciò avvertibili dall’intera collettività, scatta la reazione dell’ordinamento.

E a spiegare e a dar ragione dell’uso prudente dello strumento punitivo è proprio la necessità di un’attenta valutazione dei fatti da parte dei differenti organi giudiziari, che non possono ignorare il valore cardine della libertà di manifestazione del pensiero.

Non per questo la libertà di manifestazione del pensiero è tale da inficiare la norma sotto il profilo della legittimità costituzionale, poiché essa è qui concepita come presidio del bene fondamentale della dignità umana.

Quello della dignità della persona umana è, infatti, valore costituzionale che permea di sé il diritto positivo e deve dunque incidere sull’interpretazione di quella parte della disposizione in esame che evoca il comune sentimento della morale.

CORTE COSTITUZIONALE SENTENZA 11-17 LUGLIO 2000 N. 293

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *