Busto di Papa Clemente X Altieri

Busto di Papa Clemente X. Opera di Gian Lorenzo Bernini. Galleria D’Arte Antica di Palazzo Barberini a Roma.

Busto di Papa Clemente X Altieri. Opera di Gian Lorenzo Bernini. Galleria D’Arte Antica di Palazzo Barberini a Roma.

Il Busto di Papa Clemente X Altieri è una scultura in marmo, cm 105, realizzata nel 1676 – 1680 circa dallo scultore e pittore italiano Gian Lorenzo Bernini ed attualmente conservato presso la Galleria D’Arte Antica di Palazzo Barberini a Roma.

La scultura raffigura Papa Clemente X (al secolo Emilio Bonaventura Altieri) nell’atto di benedire. Il busto era destinato al Palazzo della famiglia degli Altieri, me viene consegnato dopo la morte di Clemente X, avvenuta a Roma nel Luglio del 1676.

Gian Lorenzo Bernini (Napoli, 7 Dicembre 1598 – Roma, 28 Novembre 1680), è stato uno dei più importanti e rinomati artisti italiani (scultore, architetto, pittore, scenografo) del periodo barocco.

Nato a Napoli nel 1598, ma cresciuto artisticamente a Roma, dove si trasferisce insieme alla famiglia nel 1606, Gian Lorenzo è figlio di Pietro Bernini, acclamato scultore di origini fiorentine, e si afferma seguendo le orme del padre, ma anche degli artisti, architetti e scultori, degli anni precedenti, come Michelangelo.

Grazie alla sapiente guida del padre e all’appoggio dei vari papi che si sono succeduti nel tempo, Gian Lorenzo Bernini riesce, sin da giovanissimo, ad imporsi nell’ambiente artistico e culturale romano con una serie di opere.

Tra le opere romane occorre citare “Il Monumento funebre a Giovanni Battista Santoni“, conservato all’interno della Basilica di Santa Prassede; la scultura la “Capra Amaltea” realizzata nel 1615 e conservata presso la Galleria Borghese di Roma; il gruppo di Priapo e Flora (1615-1616), per i giardini di Villa Borghese (oggi conservati al Metropolitan  Museum of Art di New York), il “Busto del Laocoonte” realizzato nel 1616-1617 e conservato all’interno della Galleria Spada a Roma; e il gruppo scultoreo “Enea, Anchise e Ascanio“, il “Ratto di Proserpina“, il “David” e l’ “Apollo e Dafne“ tutte conservate nella Galleria Borghese a Roma.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *