“Riposo in Maremma”. Opera di Giovanni Fattori

Riposo in maremma mezzadria

“Riposo in Maremma”. Opera di Giovanni Fattori

Riposo in Maremma” è un dipinto (olio su tela, cm 35 x 72,5) realizzato intorno all’anno 1875 circa dal pittore toscano Giovanni Fattori, annoverato tra i principali esponenti del movimento dei Macchiaioli, e conservato presso Collezione privata.

Giovanni Fattori (Livorno, 6 Settembre 1825 – Firenze, 30 Agosto 1908) viene considerato tra i più rinomati pittori italiani dell’Ottocento e unitamente a Silvestro Lega,  Telemaco Signorini, Gerolamo Induno, Odoardo Borrani, Serafino De Tivoli frequenta a partire dal 1855 il Caffè Michelangiolo di Firenze dando vita al c.d. movimento artistico e culturale dei “Macchiaioli“.

La loro arte si incentra su una pittura eseguita dal vero e sulla riproduzione di soggetti appartenenti alla realtà quotidiana dell’Italia della seconda metà dell’Ottocento, per esempio la dura vita contadina e soggetti legati alle lotte, così come paesaggi e i campi di battaglia, ponendosi in netto contrasto con lo stile accademico tradizionale; la loro pittura si realizza attraverso macchie di colori dalle tonalità chiare e scure, accostate o sovrapposte le une alle altre. Inoltre l’abolizione del tradizionale chiaro-scuro fa sì che l’accostamento tra colori – luce e colori – ombra è idonea a creare una grande resa atmosferica molto suggestiva.

Dalla sua casa sita a Castiglioncello, in provincia di Livorno, Giovanni Fattori inizia a dipingere il paesaggio toscano, la Maremma e la gente che abita e lavora quelle terre.

Nel dipinto “Riposo in Maremma” il pittore raffigura il momento della siesta pomeridiana con una coppia di bovi bianchi che reggono il carro del grano e due uomini che, dopo la faticosa mattinata di lavoro nei campi, riposano addormentati e sdraiati all’ombra di un albero (che è posto al di fuori del campo visivo del dipinto).

Il dipinto “Riposo in Maremma”  è dominato da una serie di macchie di colore, accostate e intrecciate le une alle altre, idonee a creare una delicata armonia compositiva: in primo piano è raffigurata la campagna con le sue tonalità oro, ocra e verde mentre sullo sfondo del paesaggio si intravede il mare che sembra toccare il cielo, con l’azzurro che si manifesta nelle sue diverse gradazioni del blu fino al celeste.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *